Nuovo sistema per spalare la neve

Nuovo sistema per spalare la neve

Gennaio 31, 2023 Off Di admin

Dopo diversi giorni che ha nevicato nella provincia di Cuneo, sono ancora presenti diversi cumuli di neve. Questo fattore ha fatto discutere molto cittadini e la Giunta in quanto si tratta di un problema che causa diversi disagi e rallentamenti e al quale bisogna trovare le dovute contromisure.

Per riuscire a contrastare questo problema è nata l’idea degli interventi “a chiamata”, una soluzione differente che è piaciuta molto alla Giunta.

Di seguito andremo a vedere di che cosa si tratta e come ha reagito la giunta comunale ai problemi causati dalla neve.

Come funziona il nuovo sistema a chiamata

Si tratta di un sistema online dove vengono segnalati tutti i cumuli di neve che possono causare problemi e intralci. L’idea innovativa è stata lanciata all’interno del Consiglio comunale da Claudio Bongiovanni e sembra essere stata apprezzata anche da tutta l’amministrazione.

L’assessore alle Strade Luca Serale ha infatti affermato che ci sono stati movimenti per definire un nuovo bando. Oltre che molto utile e pratico potrebbe essere un forte segnale di attenzione e comunicazione tra i cittadini e l’amministrazione.

Problemi causati dalla neve

La forte nevicata a cuneo è arrivata ormai più di un mese e mezzo fa, precisamente il 15 dicembre e le conseguenze sono state diverse. Sempre Bongiovanni, durante il suo intervento, sottolinea come sia possibile che dopo così tanto tempo siano ancora presenti diversi cumuli di neve. Soprattutto quelli nei pressi degli attraversamenti pedonali e delle zone particolarmente trafficate, come l’Ipercoop e l’Itis potrebbero causare problemi e rallentamenti importanti.

L’attenzione per la neve e le sue conseguenze, afferma il consigliere comunale, sono state fortemente sottovalutate anche lungo la pista ciclopedonale di corso Monviso. Non aver sparso il sale e la sabbia con i dovuti modi ha portato alla formazione di ghiaccio in parecchi tratti della pista e questo porta ad un possibile pericolo per chi la percorre.

Cosa ne pensano gli altri consiglieri

Non solo Bongiorno, anche altri consiglieri hanno voluto esprimere il loro pensiero. Beppe Lauria ha riconosciuto come, nonostante i disagi e addirittura un incidente mortale, ci siano stati dei miglioramenti rispetto ad alcuni anni fa da parte dell’amministrazione. Il 22 Dicembre un signore di 86 anni ha perso la vita nei pressi di un attraversamento pedonale in zona Ipercoop.

Noemi Mallone, consigliera di Fratelli D’Italia afferma che si trattasse di una forte nevicata ampiamente prevista, quindi c’erano i tempi per prendere per tempo le dovute precauzioni. Nonostante ciò ha voluto ringraziare tutti gli operatori che hanno lavorato con diligenza.

Il consigliere provinciale che è stato delegato allo sgombero della neve per far ripartire Cuneo, Vincenzo Pellegrino, ha criticato alcuni utenti della strada. Ha affermato di aver vissuto situazioni paradossali dove i camion non disponevano delle dovute precauzioni (catene per la neve) e in determinati casi i camionisti erano addirittura in pantaloncini corti e sandali ai piedi.

Come il cambiamento climatico ha inciso sulla situazione

Il cambiamento climatico con temperature molto variabili rende difficile prevedere le nevicate. Il consiglio di Cuneo deve essere infatti molto bravo a riuscire a integrare nel nuovo bando un sistema che riesca a risolvere le situazioni delle forti bombe d’acqua che si tramutano in neve improvvisamente.

Rispetto agli anni passati l’amministrazione di Cuneo ha fatto molti passi in avanti in questo senso e gli investimenti sono stati fruttuosi. La distribuzione del sale e della sabbia è cresciuta in relazione agli anni passati, ma ancora non è sufficiente.

Solitamente, infatti, l’intervento per lo sgombero della neve avveniva solamente in casi eccezionali. Nel prossimo bando, invece l’idea è quella di riuscire a tenere sempre sotto controllo tutta la situazione, soprattutto nelle zone di maggiore traffico, come per esempio mercatini natalizi o aree mercantili.

Per saperne di più consulta un articolo di approfondimento, leggilo su Cuneodice.it.